• Romitorio www.romitorio.com
  • Romitorio www.romitorio.com
  • Romitorio www.romitorio.com
  • Romitorio www.romitorio.com
  • Romitorio www.romitorio.com
  • Romitorio www.romitorio.com
  • Romitorio www.romitorio.com
  • Romitorio www.romitorio.com
  • Romitorio www.romitorio.com
  • Romitorio www.romitorio.com
  • Romitorio www.romitorio.com
  • Romitorio www.romitorio.com
  • Romitorio www.romitorio.com
  • Romitorio www.romitorio.com
  • Romitorio www.romitorio.com
  • Romitorio www.romitorio.com
  • Romitorio www.romitorio.com
  • Romitorio www.romitorio.com
  • Romitorio www.romitorio.com
  • www.romitorio.com
  • www.romitorio.com
  • www.romitorio.com
  • www.romitorio.com
  • www.romitorio.com
  • www.romitorio.com
  • www.romitorio.com
  • www.romitorio.com
  • www.romitorio.com
  • www.romitorio.com
  • www.romitorio.com

Palazzo Moretti - Pozzuolo

Eventi

Dal 09/05/2017 Al 31/01/2018

Palazzo Moretti - Pozzuolo

 

Palazzo Moretti, ospita dal 2008 una mostra permanente di documenti e un Archivio Storico dedicato al fisico umbro Franco Rasetti, nato proprio a Pozzuolo Umbro il 10 agosto 1901 e morto in Belgio nella città di Waremme il 5 dicembre 2001. L’Associazione omonima, si impegna a promuovere la conoscenza e lo studio di questa importante figura filosofica ed umana e di diffondere il suo messaggio di pace, attraverso i suoi lavori di fisico, botanico, entomologo, paleontologo e geologo.

 

Il Palazzo del 1600 offre al suo ingresso una vasta area espositiva, attualmente occupata dalla collezione di foto di Federico Scaletti, che fornisce un’importante immagine storica di Pozzuolo e delle 13 frazioni del Comune di Castiglione del Lago, raccontando un recente passato. 

Adiacente al corridoio c’è una grande stanza dal titolo "Artelegno in miniatura", che ospita una mostra legata ad alcuni artisti locali, con riproduzioni di utensili ed edifici storici, mediante tecniche originali. 

Salendo le scale, si trova una prima stanza dove è collocata la collezione di piante della zona collinare del Trasimeno con didascalie sui loro rimedi officinali o medici.Tiberio Borgia negli anni 80 svolse un accurato lavoro di ricerca sull’argomento e oggi possiamo ammirarne la grande varietà. 

Salendo ancora, arriviamo al primo piano con le quattro stanze dedicate alla biografia dello scienziato umanista Franco Rasetti.

La vita di Franco Rasetti è caratterizzata dalla passione per la ricerca e la conoscenza. L’autonomia e l’indipendenza dello studente e del ricercatore erano per Lui, elementi imprescindibili: tutte le discipline meritano considerazione, in quanto costituiscono l’importante eredità dell’uomo . E’ stata questa convinzione che lo ha guidato per tutta la vita e lo ha portato a fare delle scelte importanti a discapito della sua immediata popolarità. E’ stato un forte oppositore degli studi scientifici a fini bellici e quando si accorse che la scissione dell’atomo avrebbe portato delle conseguenze gravi all’umanità, quali la costruzione della bomba atomica, si distaccò dal gruppo di studiosi e intraprese studi di paleontologia. 

Oggi è grazie alla testimonianza di scienziati come Rasetti che gli studiosi sono molto più coscienti del ruolo sociale della scienza e sono orientati ad applicarsi a problemi che riguardano la limitazione nucleare, il controllo degli armamenti, il clima, l’inquinamento, la sovrappopolazione, la medicina, con un’ottica diversa, non solo oggettiva, ma più empatica. La pace non si difende solo evitando di costruire armi di distruzione di massa, ma anche prevenendo i conflitti. 

All’interno del Palazzo troviamo anche una mostra legata alla paleontologia curata dal naturalista Mario Morellini. La passione di Franco Rasetti per la natura lo portò a diventare un esperto di fossili del periodo Cambriano, con specifica attenzione ai Trilobiti, che rappresentano una delle forme di vita più antiche del nostro pianeta. In esposizione è anche il suo libro:"I Fiori Delle Alpi", una vasta raccolta di immagini della flora alpina, in cui Rasetti dimostra uno spiccato senso della fotografia. 

Tra i personaggi che hanno un posto nella mostra, c’è anche la madre di Franco Rasetti, la signora Adele Galeotti: pittrice molto apprezzata, che studiò presso l’Accademia delle Belle Arti di Firenze con il maestro Giovanni Fattori, all’inizio del 1900. 

Tra le mostre non poteva mancare quella dedicata a Enrico Fermi, amico nel periodo universitario di Franco Rasetti e collaboratore negli anni di Via Panisperna. Giulio Maltese ci ha lasciato materiale utile, grazie al quale è possibile conoscere la vita del Nobel per la Fisica del 1938 e le sue grandi intuizioni e scoperte.

Passando alla Stanza Nobile, in cui possiamo ammirare un bel soffitto affrescato, ci troviamo nel luogo dove artisti contemporanei internazionali, alternandosi durante l’anno, espongono le loro opere. 

Continuando la visita, raggiungiamo la stanza dedicata alla biografia di Teodorico Moretti-Costanzi, ultimo proprietario di Palazzo Moretti.

Nacque il 25 aprile 1912 a Pozzuolo Umbro, secondogenito di Pierleone e di Emilia Costanzi, fratello di Siro, più anziano di due anni. I genitori avevano una nobile discendenza perugina. Nel 1951 Moretti-Costanzi venne incluso nella terna dei vincitori del concorso per filosofia teoretica bandito dall’Università di Pisa, e fu chiamato l’anno successivo dall’Università di Bologna dove vi rimase fino alla fine della sua attività. Morì a Tuoro il 23 giugno 1995, circondato dagli allievi più fedeli. 

Sempre al primo piano troviamo una stanza dedicata alla Storia Risorgimentale del nostro territorio: tra i personaggi spicca la figura del Tenente Colonnello Giovanni Battista Fioretti. Importanti documenti che riguardano il periodo storico, sono esposti nelle teche a cura del collezionista Ferdinando Mainò. 

Salendo al secondo piano, nella parte più antica del Palazzo, troviamo le mostre di Artisti Contemporanei Umbri, curate da Andrea Baffoni. 

In un’altra stanza, allo stesso piano, troviamo la grande opera di tecnologia di Ezio Mazzieri; la ricostruzione di un "Paesaggio degli antichi mestieri", dove i personaggi si attivano meccanicamente e danno un’idea concreta ai giovani delle attività lavorative di un recente passato. 

Nel periodo estivo la mostra è aperta tutti i giorni e presso i giardini di Palazzo Moretti si svolgono attività ludiche con musicisti, cantanti e attori che legano la propria arte a momenti conviviali con degustazione di prodotti tipici della nostra terra. In particolare la sera del 10 Agosto ricorre l’iniziativa legata ai Calici di Stelle , dedicata ai nostri migliori vini. 

Fino ad oggi le attività sono state possibili grazie all’Amministrazione Comunale di Castiglione del Lago e alla Fondazione Siro Moretti-Costanzi e all’impegno degli associati. 

L’Associazione Franco Rasetti attraverso il sito www.francorasetti.it, i social e le testate locali, diffonde puntuali informazioni sui propri eventi e iniziative.

Palazzo Moretti è un gioiello da scoprire….ti aspettiamo!!!

 

Ingresso libero.

 

Il Presidente dell’Ass. Franco Rasetti

Claudio Monellini

« Altro in questa categoria